Olbia, 1 ottobre 2017. È alto il ritmo che sta tenendo l’Italia nel campionato del mondo dei ‘Veterans’ a Olbia. La seconda giornata di gare, che ha impegnato

276 atleti delle classi M1 e M3, ha portato nel medagliere azzurro tre medaglie d’oro e due d’argento, proprio com’è accaduto sabato, ma i terzi posti sono diventati quattro, per un totale nel ‘Day 2’ di nove medaglie. E l’Italia è seconda nel medagliere alle spalle della Russia. “Altra grande giornata per il judo italiano master con 5 finalisti e 3 medaglie d’oro, che ci portano al 2° posto nel medagliere dietro alla Russia per differenza argenti. – ha commentato così il responsabile nazionale dei master, Giuseppe Macrì - Grande giornata in particolare per la Sardegna, con i fratelli De Cortes, che si sono aggiudicati la medaglia d’oro davanti agli spalti gremiti ed un tifo da stadio, a spese di un russo e, l’altro, di un giapponese. Grande anche la prova del piemontese Benedetti, che è uscito da una poule tremenda, andando a prendersi l’oro per ippon sul tedesco, in maniera più facile del previsto. Troppo forti invece il brasiliano, per Brocchieri e il georgiano, per Scognamiglio, che nonostante una frattura alle dita dei piedi, rimediata prima della partenza, si è fermato solo di fronte al georgiano, da cui era stato sconfitto anche ai Mondiali 2016. Per finire i bronzi di De Bartolo, Beltrame, El Mahyaouil e Mallia a conclusione di una giornata, che ha visto un impianto troppo piccolo per contenere tutto il tifo che ha sostenuto gli azzurri nel final-block”. Questo il dettaglio degli atleti saliti sul podio nella seconda giornata, Alberto Benedetti, oro nei 90 kg M1, Francesco Degortes, oro nei 60 kg M1, Raimondo Degortes, oro nei 66 kg M1, Fabio Stefano Brocchieri, argento nei 66 kg M3, Carlo Scognamiglio, argento nei +100 kg M3, Enrico Beltrame, bronzo nei 73 kg M3, Antonio De Bartolo, bronzo nei 60 kg M1, Said El Mahyaoui, bronzo nei 60 kg M3, Otis Mallia, bronzo nei 100 kg M1.“Forse la gara l’ho vinta quando sono andato in finale – ha detto Alberto Benedetti, oro nei 90 kg M1 - perché, a cose fatte, l’incontro di finale, con il tedesco è risultato il meno problematico”. Un commento speciale, quasi ad una sola voce, è quello dei gemelli Degortes: “Salire con degli spalti così gremiti nella tua regione è emozionante e mi ha dato anche tanta carica, soprattutto nei momenti più difficili”, ha detto Francesco. “Salire dopo l'oro del fratello con un tifo alle stelle e un giapponese da affrontare. E tanti pensieri. Ma il waza ari a poco dalla fine e l’abbraccio con il fratello, non ha prezzo”, ha fatto eco Raimondo. Lunedì terza giornata di gare, sui tatami si confronteranno le classi M4 e M5.

 

 
Premio Gentilella
Premio Iavazzo
Sponsors Partners

In order to view this object you need Flash Player 9+ support!

Get Adobe Flash player
Joomla! Slideshow