Con la presente comunicazione vi riproponiamo la nota congiunta degli Enti di Promozione Sportiva che sollecitano una riforma del sistema

sportivo contro la schizofrenia decisionale delle istituzioni (Fonte Sport Economy del novembre 2017).

 

- Società Sportive Dilettantistiche Lucrative:

L’inserimento nel panorama dei soggetti sportivi, attraverso il pacchetto sport nella Legge di Stabilità, della nuova figura di società sportiva dilettantistica lucrativa è da respingere poiché da un lato minerebbe alla base il volontariato sportivo che è quello che ha permesso fino ad oggi una crescita capillare nel Paese fino a diventare il 47% dell’intera realtà della promozione sociale italiana, dall’altro produrrebbe un ulteriore effetto spiazzamento rispetto alla recente normativa sul Terzo Settore.

- Bridge e Videogiochi:

Negli ultimi giorni si è assistito a forme di schizofrenia decisionale: da un lato la Corte di Giustizia Europea che ha definito che il bridge non possa essere ritenuto attività sportiva, mentre dall’altro, il CIO, il Comitato Olimpico Internazionale, che afferma che i videogiochi competitivi possono essere considerati un’attività sportiva e che i giocatori che si preparano e si allenano con intensità possono essere paragonati a quelli delle discipline tradizionali e quindi poter entrare a far parte delle stesse attività olimpiche.

- Registro CONI:

Il 1° gennaio 2018, inoltre avrà efficacia la delibera del CONI che esclude tutta una serie di attività sportive dichiarandole non ammissibili per l’iscrizione al Registro del Comitato Olimpico e come tali non più considerate meritevoli di pubblico interesse e, di conseguenza, neppure destinatarie della fiscalità di vantaggio; di contro, pochi giorni fa, il Presidente del Consiglio Gentiloni ha annunciato che lavorerà per inserire lo yoga nelle ore di educazione fisica a scuola.

Conclusioni.

In merito a quanto evidenziato, secondo gli Enti di promozione sportiva c’è materia sufficiente per chiedere al Governo, al Parlamento e al CONI di fermarsi e di aprire una stagione, come è stato fatto per altri settori, per una vera e propria riforma di sistema dello sport italiano, auspicata ancora una volta non solo da noi ma dallo stesso presidente del CONI Giovanni Malagò in occasione dell’ultimo Consiglio Nazionale.

 
Premio Gentilella
Premio Iavazzo
Sponsors Partners

In order to view this object you need Flash Player 9+ support!

Get Adobe Flash player
Joomla! Slideshow