Terza puntata di TOP NEWS DALLE REGIONI e, dopo la ricerca del Comitato del Veneto ‘Virus oltre confine’ pubblicata il venerdì 15 maggio ed il ‘Progetto

condivisione’ promosso dal Comitato Lombardia e pubblicato il successivo venerdì 22, ad essere valorizzata oggi è la proposta di Anna Bartole e Sonia Arduini, accolta ieri sulle pagine delle regioni d’origine, Friuli Venezia Giulia e Veneto. Anna e Sonia sono due ragazze in gamba, con percorsi sportivo e di studio eccellenti, con l’aggiunta di una virtù preziosa, mettersi a disposizione del bene comune. Buona lettura.

 

La presentazione. Ci presentiamo siamo Sonia e Anna, la nostra amicizia è nata grazie al Judo e si è fortificata con la passione per lo sport e lo studio. Veniamo da città e realtà diverse, Anna figlia d’arte con accento  triestino; mentre Sonia veronese doc, è cresciuta tra le viti della Valpolicella. A piedi nudi siamo rimaste per molto tempo, infatti le scarpe quasi non le abbiamo mai messe perché fin da bambine camminavamo sul tat ami. Da ragazzine, ci siamo tolte le nostre piccole soddisfazioni praticando Judo a livello agonistico e indossando la maglia azzurra in più di qualche occasione. Da studentesse e da coinquiline nella città di Bologna abbia mo coltivato i nostri interessi, tra una lezione e l’altra all’università e qualche proiezione sul tatami. Abbiamo terminato gli studi ed insieme contiamo ben quattro lauree. Attualmente Anna lavora come insegnante di educa zione motoria in diverse scuole e Sonia incastra il suo percorso di studi in Osteopatia e l’impiego come trainer in una palestra di fitness. Non abbiamo mai smesso di interessarci al mondo del judo. Abbiamo iniziato diverten doci a giocare a piedi scalzi mordicchiando la cintura, poi abbiamo lottato come ogni atleta. Infine ci siamo approcciate al mondo del judo con occhio più maturo da laureate in scienze motorie e critico grazie alla magistrale in attività motoria preventiva ed adattata. Per noi questo articolo non rappresenta solo un strumento utile a chiunque voglia ampliare le proprie conoscenze, ma anche un tentativo di applicare gli insegnamenti di Jigoro Kano. Infatti, il massimo di livello del Judo non è espresso solo sul tatami, ma anche nel mettersi a disposizione per il bene comune e noi, nel nostro piccolo ci vogliamo provare!

 
Stage Roccaraso
Sponsors Partners

In order to view this object you need Flash Player 9+ support!

Get Adobe Flash player
Joomla! Slideshow